Il gaslighting

Quando i silenzi feriscono più delle parole

C’è una forma subdola di violenza che non si manifesta con scoppi di rabbia bensì attraverso silenzi ostili e parole usate come armi. E’ una forma d’abuso antica, perpetrata soprattutto tra le “tranquille” mura domestiche, distruttiva poiché lascia ferite psicologiche molto profonde e difficilmente rimarginabili.  Parliamo del “GASLIGHTING”, una tecnica di crudele ed infida manipolazione mentale.

anxiety-2878777__340


Il termine è mutuato dalla drammaturgia e in particolare dal film “Gaslight” del regista americano Georg Cukor (1944), tratto a sua volta dalla pièce teatrale “Angel Street” di Patrick Hamilton (1938): un dramma psicologico che racconta le vicende di una coppia. Dopo un periodo felice il rapporto tra i due si incrina ed il marito, con una diabolica ed artificiosa tecnica psicologica, alterando le luci delle lampade a gas della casa, spinge la moglie fin sull’orlo della pazzia. Solo l’intervento di un detective riuscirà a ristabilire la verità: si scoprirà così che il marito è uno psicopatico criminale.


E’ difficile riconoscere questo tipo di violenza:

  • è insidiosa, sottile e non se ne percepisce l’inizio; spesso è scusata dalla stessa vittima; non trattandosi di una deflagrazione d’ira (che almeno è subito identificabile e magari oggetto d’immediata risposta, anche legale) difficilmente viene riconosciuta dalla vittima stessa e dai suoi famigliari; è gratuita e persistente, reiterata quotidianamente; ha la capacità di “annullare” la persona che ne è bersaglio; è un vero e proprio lavaggio del cervello; pone la vittima nella condizione di pensare di “meritarsi quella punizione”; 
  • è un comportamento messo in atto per minare alla base la fiducia che la vittima ripone in sé stessa, dei suoi giudizi di realtà, facendola sentire sbagliata, confusa fino a dubitare di stare impazzendo; è’ un’azione di manipolazione mentale con la quale il gaslighter (l’abusante) mette in dubbio le reali percezioni dell’altra persona; spesso è adottata dal coniuge abusante per chiudere rapporti coniugali travagliati dietro ai quali, molto spesso, si celano insoddisfazioni personali e relazioni extraconiugali.

Il gaslighting è una forma di violenza che si sviluppa anche all’interno di rapporti sufficientemente funzionali. Può accadere che un evento frustrante, al quale non si sa adeguatamente reagire, metta in crisi la fiacca sicurezza e la scarsa fiducia che ripone in sé il manipolatore tanto da pregiudicare irreparabilmente le dinamiche relazionali: il legame diventa maligno, si trasforma in una trappola che distrugge il cuore e la psiche della persona oggetto delle molestie. Così come le frecce del mitico Eracle, il gaslighting lascia ferite che nessuno potrà guarire. Una relazione di questo tipo è, in modo conclamato, narcisistico-perversa, una relazione, cioè, caratterizzata dalla presenza di un persecutore – che “deumanizza”, manipola, controlla totalmente, impedisce separatezza ed autonomia della vittima – e di una vittima che, dall’altra parte, si trova intrappolata nella rete per lei tessuta e che, lentamente, è portata ad abbandonare le proprie resistenze fino alla resa completa.  L’aspetto beffardo di questa manipolazione è che la vittima alla fine si trasforma inconsapevolmente nella complice del suo persecutore, contro sé stessa. In questo sprofondamento nell’abisso la vittima attraverserà, a grandi linee, tre fasi successive:

  1. distorsione della comunicazione: in questa prima fase la vittima non riuscirà più a capire il persecutore. I “dialoghi” saranno caratterizzati da silenzi ostili alternati da piccature destabilizzanti. La vittima si troverà così disorientata, confusa,  come nella nebbia.
  2. tentativo di difesa: in questa seconda fase la vittima cercherà appunto di difendersi, provando a convincere il suo persecutore che la verità è un’altra; proverà ad instaurare un dialogo ostinato, con la speranza che ciò serva a far cambiare il comportamento del gaslighter. La vittima si sentirà travolta da un compito diventato per lei basilare: far cambiare idea al persecutore, attraverso il dialogo e l’ascolto.
  3. depressione: in questa terza fase la vittima vedrà piano piano spegnersi il suo soffio vitale, non avrà più forze per lottare e si convincerà che ciò che il persecutore pensa e dice di lei  corrisponde alla verità.

woman-3011121__340

 

Sono classificabili tre tipi di manipolatore:

  1.  Il manipolatore affascinante: è probabilmente il più insidioso. Alterna silenzi ostili e tremende pungolature a momenti di intense profusioni d’ “amore”. Sottopone la sua vittima ad una continua doccia scozzese, creando, così,  artatamente, un’ atmosfera massimamente disorientante per la vittima.
  2. Il manipolatore bravo ragazzo: pensa solo a sé stesso ed è il classico lupo travestito da agnello. Sotto al travestimento si nasconde un tremendo individualista:  sempre attento ad anteporre i propri bisogni, il proprio tornaconto personale a quello della vittima, anche se riesce a dare un’impressione opposta.
  3. L’intimidatore: è il più diretto. Non si preoccupa di nascondersi dietro false facciate: rimprovera e maltratta apertamente la vittima. E’ più facile riconoscerlo.

Non vi sono parole per descrivere la sensazione di morte imminente che prova la persona colpita da questo tipo di maltrattamenti psicologici. Alla vittima è tolta la speranza del domani e ben presto manifesterà problemi psichici e psicosomatici.


 

Dott.ssa Silvia Darecchio  – Psicologa – San Polo di Torrile (Pr)  contatti

Depressione: invalidità e legge 104

Anche la depressione è stata fatta rientrare fra le patologie che beneficiano della legge 104. Si parla di invalidità causata dallo stato ansioso depressivo quando dalla depressione deriva una significativa riduzione della capacità lavorativa. 

sadness-717439__340

L’ esistenza del disturbo depressivo maggiore verrà verificata e certificata da un’ apposita commissione medica. Qualora la condizione clinica fosse confermata,  nei casi più gravi (quelli che comportano un vero e proprio handicap compromettendo la vita sociale, lavorativa e lo stato di salute complessivo della persona), il lavoratore potrà  usufruire della 104 (la Legge 104/92  è  il riferimento legislativo per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone con handicap).

Per le patologie depressive, sono state esplicitate le relative percentuali d’invalidità riconosciute (nella tabella qui sotto), che danno diritto ad agevolazioni e a diverse prestazioni di assistenza.

CONDIZIONE CLINICA

PERCENTUALE  INVALIDITA’

Sindrome depressiva endoreattiva lieve

10.%

Sindrome depressiva endoreattiva media

25.%

Sindrome depressiva endoreattiva grave

dal 31% al 40%

Sindrome depressiva endogena lieve

30.%

Sindrome depressiva endogena media

dal 41% al 50%

Sindrome depressiva endogena grave

dal 71% al 80%

Nevrosi ansiosa

15.%

Nevrosi fobico ossessiva e/o ipocondriaca di media entità

dal 21% al 30%

Nevrosi fobico ossessiva lieve

15.%

Nevrosi fobico ossessiva grave

dal 41% al 50%

Psicosi ossessiva

dal 71% al 80%

La SINDROME DEPRESSIVA ENDOREATTIVA è una forma di disturbo mentale strettamente legata ad un avvenimento doloroso (ad esempio un lutto, una perdita, una sconfitta, disturbi fisici) caratterizzata da un’ ‘intensità e una durata sproporzionate rispetto alla “normale” reazione di fronte a simili eventi. L” elemento tipico della depressione endoreattiva è un sentimento di tristezza vissuto con forte partecipazione emotiva.

La SINDROME DEPRESSIVA ENDOGENA è un disturbo dell’  ‘umore caratterizzato da profonda tristezza, sconforto e apatia. Tuttavia, la causa della depressione endogena differisce da quella della depressione endoreattiva. Nella prima non si presenta una situazione esterna scatenante ma è dovuta a fattori interni psico-biologici, è causata, cioè, da un’alterazione o da un cambiamento strutturale della biochimica cerebrale; nella depressione endoreattiva, invece, esiste una relazione evidente tra il fattore scatenante e l’inizio del disturbo.

Con “NEVROSI” ci si riferisce ad una classe di disturbi mentali di media gravità non causati da una condizione organica. Le nevrosi implicano sintomi di stress (depressione, ansietà, comportamento ossessivo, ipocondria)  e non sono caratterizzate da una radicale perdita di contatto con la realtà , come nelle psicosi. Questo termine non è più usato dalla comunità psichiatrica americana dal 1980 quando è stato eliminato dal  Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders con la pubblicazione del DSM III. E’  ancora usato nel sistema di classificazione  ICD-10 . 

La PSICOSI OSSESSIVA (psiconevrosi ossessiva coatta) è costituita dalla prevalenza di idee fisse ed ossessioni, in contrasto con la personalità del soggetto e con le sue credenze, a contenuto non necessariamente patologico, ma che patologicamente agiscono, in quanto dominano il pensiero, deformandone il naturale svolgimento. Le idee fisse o ossessive (dette anche idee coatte incoercibili) rappresentano un continuo conflitto con la volontà e, per tale conflitto, si accentua quel disordine del tono affettivo che è base della psiconevrosi stessa e che, per l”  esasperazione della tensione emotiva, si trasforma in uno spasmodico stato di angoscia. 

COSA SPETTA AL RICHIEDENTE:  qualora il lavoratore depresso fosse riconosciuto come portatore di handicap, avrebbe diritto a tutti i benefici connessi alla legge 104/92, ovvero:

  • permessi retribuiti mensili (diritto di assentarsi per 3 giornate al mese);
  • scelta della sede di lavoro;
  • rifiuto al trasferimento;
  • agevolazioni fiscali.

COME PROCEDERE PER OTTENERE L’  INVALIDITA’  :  dopo che il medico curante avrà valutato lo stato depressivo del paziente, verrà emesso un certificato medico. La domanda di invalidità, corredata del numero di protocollo del certificato, dovrà essere inviata all’Inps attraverso il servizio “Domanda di invalidità”, accessibile dal sito Web dell’INPS (la domanda potrà essere inviata anche tramite patronato o Contact Center). Una volta compilata e inviata la domanda, l’  ‘Inps fisserà un appuntamento con la commissione medica Asl per l’accertamento dell’handicap (se il richiedente non sarà in grado di recarsi alla visita, sarà possibile richiedere anche una valutazione direttamente al proprio domicilio).